Che caldo! Consigli alimentari per prevenire i colpi di calore - Profondamente buono

Buono a sapersi

Ogni settimana tanti consigli e curiosità firmati
dalla food blogger Teresa Balzano, dalla nutrizionista Carmen Zedda
e dalle viaggiatrici cosmopolite PinkTrotters.

Nutrizione&Benessere
01/08/2017

Che caldo! Consigli alimentari per prevenire i colpi di calore

Che caldo! Consigli alimentari per prevenire i colpi di calore

D’estate è bello stare all’aria aperta e godersi appieno la stagione. Attenzione però in spiaggia e nelle giornate più afose ai colpi di calore: queste alterazioni della temperatura corporea possono essere rischiose e provocare collassi e disturbi più o meno gravi al muscolo cardiaco, reni, fegato e polmoni.

 

Tutti potremmo trovarci esposti a temperature eccessive, ma i soggetti che più rischiano di subire le conseguenze di un colpo di calore sono i bambini, gli anziani, i malati cronici, le persone non autosufficienti e chi svolge un’intensa attività fisica, come gli sportivi.

 

Il colpo di calore può verificarsi sia all’aperto che in ambienti chiusi non adeguatamente climatizzati o ventilati, con un tasso di umidità elevato che fa sì che il calore percepito sia maggiore della temperatura reale. L’eccessiva esposizione a un ambiente non consono, unito a fattori come l’età, lo stato di salute, l’assunzione di medicinali o alcolici, può condizionare la capacità di regolare la temperatura corporea.

 

Vediamo insieme alcuni accorgimenti che possiamo adottare per evitare il rischio di ipertermia.

 

Evitare di uscire di casa nelle ore più calde

Cerchiamo di restare in casa o in ufficio durante le ore più calde del giorno; gli ambienti dovranno essere comunque climatizzati e ventilati. Se non abbiamo a disposizione un condizionatore o un buon ventilatore, possiamo passare un po’ di tempo al centro commerciale o in altri luoghi ampi e climatizzati. Cerchiamo di prestare attenzione anche alla temperatura della macchina, che può sostare al sole a lungo e raggiungere temperature molto alte: apriamo sportelli e finestrini e lasciamo passare alcuni minuti prima di metterci in viaggio.

 

Usare cappello, occhiali e abiti leggeri

Quando usciamo, soprattutto nelle ore calde, ricordiamoci di indossare abiti leggeri e ampi, in tessuti naturali come lino e cotone, che permettono una migliore traspirazione. Ricordiamoci poi di proteggere il capo e gli occhi con cappello e occhiali da sole, contro i raggi UVA e UVB, in particolar modo chi fa lavori pesanti o pratica un’attività sportiva.

 

Rinfrescare e reidratare il corpo

Per mantenere bassa la temperatura corporea, possiamo rinfrescarci con dell’acqua fresca, polsi, braccia, nuca, fronte e caviglie oppure fare docce con acqua tiepida. Non solo, nelle giornate calde è consigliabile bere almeno due litri di acqua; ricordiamoci di bere spesso, anche se non ne sentiamo la necessità e invitiamo bambini e anziani di cui ci prendiamo cura a fare lo stesso per allontanare il rischio di disidratazione. È invece sconsigliata l’assunzione di bevande gassate, ghiacciate o di alcolici.

 

Curare l’alimentazione

Per farci trovare pronti alle giornate più calde, dobbiamo curare ogni giorno la nostra alimentazione. Frutta e verdura fresche non devono mai mancare, per fare il pieno di acqua, fibre, vitamine e minerali, indispensabili per il buon funzionamento dell’organismo. Possiamo consumare le cinque porzioni giornaliere raccomandate per fare colazione e freschi spuntini durante la giornata: macedonie, centrifugati, frullati e pinzimoni sono ottimi alimenti per reidratare e nutrire il nostro organismo senza appesantirlo.

 

I pasti della stagione calda, infatti, devono essere leggeri e facili da digerire, per evitare sudorazione eccessiva, sonnolenza ed eccessi di calorie. Gli ingredienti da preferire sono quelli semplici, come i cereali integrali, pesce azzurro (fresco o in conserva), legumi, verdure e formaggi freschi. Mettiamo da parte perciò intingoli, fritture, insaccati, snack e formaggi stagionati, troppo pesanti e salati per questo periodo dell’anno.

 

Un’attenzione in più in questa stagione deve essere prestata alla conservazione degli alimenti: evitiamo il rischio di infezioni e intossicazioni alimentari a causa del caldo facendo poche scorte e mantenendo il cibo al fresco fino a ridosso del consumo.

Di Carmen Zedda, Nutrizionista di Bologna si occupa di diete per sportivi, educazione alimentare, dieta personalizzata.