Come conquistare i nostri surfisti - Profondamente buono

Buono a sapersi

Ogni settimana tanti consigli e curiosità firmati
dalla food blogger Teresa Balzano, dalla nutrizionista Carmen Zedda
e dalle viaggiatrici cosmopolite PinkTrotters.

Lifestyle
14/09/2017

Come conquistare i nostri surfisti

Come conquistare i nostri surfisti

Quante volte ci siamo ritrovate a immaginarci surfiste? Magari Con i capelli perfetti, a onde, uscire dall’acqua e con la tavola sotto braccio, sorridere, strizzando gli occhi al sole.

Il surf è uno degli sport più straordinari che esistano: senti il contatto con la natura immensa, i pensieri si sciolgono e la salsedine riempie i polmoni e trasforma in energia buona ogni pensiero pesante.
Io provai in Australia e la soddisfazione di ergermi su quella tavola, a fine giornata, fu strepitosa.

E’ stato uno dei ricordi più belli che ho con il mio Gitano, che lui davvero è un surfista doc, con tanto di riccioli biondi: una giornata a Sidney a bere oceano e a divertirsi provando a mettermi in piedi sulla tavola.
Siamo usciti – io con doppia muta – chiaramente affamati, e da bravi local siamo andati a mangiare nel bar accanto alla spiaggia…essendo agosto, ovvero il loro inverno, avevo capelli bagnati e 4 strati di maglioni, ma quella sensazione di fresco era per la prima volta eccezionale.
La libertà che dona al cuore questo sport e che ti si installa nell’anima per sempre è qualcosa di non conosciuto se non provato.

E cosa mangiano i surfisti? I surfisti mangiano tacos con tonno e tutto ciò che piace loro. Di solito ne prendono più di uno, perché la fame è tanta e tra una sorsata di birra e l’altra, la croccantezza – eh sì perché per me il tonno è sempre croccante, lascia in bocca quella voglia di sgranocchiare – del tonno e la morbidezza del tacos si passa il pomeriggio a programmare la prossima uscita in mare.

Di solito il mio tacos – ma anche quello con cui ho conquistato il mio gitano surfista- lo mangio con tanto guacamole, una fetta di lime, cipolla, jalapeno, pomodori semi secchi, salsa piccante, per me tanto coriandolo e per il gitano basilico.

Questa Gipsy versione è fatta con un babaganoush speciale di melanzana arrostita e tonno Nostromo in Olio di Oliva. La base poi è arricchita da insalata di cicoria e porro, pomodorini semi secchi e stracchino. Le uova, per una carica proteica…che si sa, per affrontare le onde alte bisogna essere in forza. Trovate la ricetta completa qui.

Questo articolo è stato scritto da A Gipsy In the Kitchen, un love-blog che racconta storie di cucina, viaggio, moda e lifestyle.