Consigli utili per un fritto perfetto - Profondamente buono

Buono a sapersi

Ogni settimana tanti consigli e curiosità firmati
dalla food blogger Teresa Balzano, dalla nutrizionista Carmen Zedda
e dalle viaggiatrici cosmopolite PinkTrotters.

Lifestyle
28/04/2017

Consigli utili per un fritto perfetto

Consigli utili per un fritto perfetto

Quante volte hai sentito ripetere la frase “Non friggo in casa perché non mi riesce bene”?
È una affermazione comune a tutti coloro che amano cucinare e non si fanno problemi a sporcare la cucina con qualche schizzo d’olio e, soprattutto, amano sedersi a tavola e godere di un piatto gustoso preparato a regola d’arte.
Il fritto di pesce, in particolar modo, è il cruccio di molti che provano e riprovano, ma non riescono a ottenere il risultato sperato.
La buona notizia è che friggere in casa non è affatto difficile. L’importante è avere cura e attenzione durante la preparazione e conoscere qualche trucco per ottenere un risultato perfetto!

  1. IL PESCE

Per prima cosa considera che un fritto misto di pesce prevede tanti ingredienti diversi per grandezza, ma anche per struttura. A seconda della tipologia di pesce che si utilizza è necessario modulare la cottura in modo differente.
Quindi la prima regola è friggere un tipo di pesce per volta facendo attenzione a unire in padella pesci dalla dimensione simile.

  1. LA PANATURA

Per avere un fritto croccante e saporito infarina il pesce con la semola di grano duro che darà gusto e croccantezza.
Per i celiaci invece puoi utilizzare la farina di riso che assicura un fritto croccante e leggero.
Asciuga bene i pesciolini per evitare schizzi di olio durante la cottura e per ottenere una panatura più uniforme, poi infarinali su tutti i lati e, prima di tuffarli nell’olio, assicurati di scrollarli bene dalla semola in eccesso.
Troppa farina sporca in fretta l’olio che brucia e dà un sapore cattivo al pesce.
Per eliminare gli eccessi puoi usare un setaccio.

  1. L’OLIO

Per il pesce non è sempre fondamentale utilizzare olio fondo come avviene per quasi tutti i fritti.
Avendo i pesciolini una struttura bassa e sottile potrai friggere in una padella versando uno strato di olio di circa un centimetro.
Se friggi i calamari, invece, potrai decidere di utilizzare una pentola con una buona quantità di olio in modo che gli anelli vengano ben sommersi e cuociano in modo uniforme e rapido.
Per ottenere un fritto che sia ben cotto all’interno e croccante all’esterno è bene friggere a una temperatura non troppo alta.
Per un risultato perfetto dovrai mantenere la temperatura molto alta all’inizio per fare in modo che si crei subito una crosticina che tuteli la polpa interna del pesce ed eviti che si asciughi.
Poi abbassa un po’ la fiamma e tieni una temperatura tra i 170 °C e i 180 °C per il resto della cottura. Se non hai un termometro tuffa un pezzetto di pane nell’olio e, se diventa dorato in 30 secondi la temperatura è ottimale. Se impiega più tempo dovrai attendere ancora prima di cuocere il pesce o, al contrario, potresti correre il rischio di bruciare il tuo fritto.
Per questo tipo di frittura puoi utilizzare un olio di semi, meglio di arachidi, oppure l’olio extravergine di oliva.
Quest’ultimo regala un gusto unico al fritto di pesce che riporta ai sapori del Mediterraneo, ma ricorda che il suo sapore particolare può essere non gradito a tutti.
Scegli un olio di qualità: in qualunque frittura l’olio è sempre un ingrediente fondamentale.

  1. LA COTTURA

Durante la cottura non girare spesso gli ingredienti. Assicurati che siano diventati dorati da un lato prima di girarli e completare la cottura.
Quando saranno dorati e croccanti scola il pesce con una schiumarola e ponilo su un foglio di carta per fritti o carta assorbente.

  1. PRIMA DI SERVIRE

Il tuo fritto a questo punto è perfetto, ma non è ancora finita!
Devi farlo arrivare in tavola al massimo della sua croccantezza quindi non coprirlo assolutamente e regola di sale solo prima di servire altrimenti l’umidità comprometterebbe il risultato finale e la tua frittura sarà molle.
Se trascorrono diversi minuti dal termine della cottura al servizio scalda il forno a 100-125 °C e tieni il pesce al caldo lasciando lo sportello in fessura.
Porta in tavola la tua frittura accompagnata da qualche fettina di limone e gusta appieno il risultato. Un fritto misto di pesce croccante e asciutto proprio come deve essere!