Gastrite: alcuni consigli per prevenirla - Profondamente buono

Buono a sapersi

Ogni settimana tanti consigli e curiosità firmati
dalla food blogger Teresa Balzano, dalla nutrizionista Carmen Zedda
e dalle viaggiatrici cosmopolite PinkTrotters.

Nutrizione&Benessere
18/04/2017

Gastrite: alcuni consigli per prevenirla

Gastrite: alcuni consigli per prevenirla

La gastrite è una condizione estremamente comune, tanto che si stima che ne soffra oltre un milione di italiani. Consiste nell’infiammazione delle mucose dello stomaco, acuta o cronica, che si manifesta tipicamente con il senso di bruciore allo stomaco, dolori e crampi, nausea e vomito. Non è generalmente preoccupante, anche se può avere complicazioni serie e in qualche caso gravi.

Le cause possono essere molteplici: tra queste vi sono l’infezione da helicobacter pylori e l’uso di farmaci antinfiammatori, come ad esempio l’acido acetilsalicilico e il ketoprofene. La gastrite può inoltre insorgere a causa dello stress: periodi di pressione emotiva possono avere un effetto molto diretto sulla salute dello stomaco. La gastrite è anche correlata ai cambi di stagione: chi ne soffre avrà infatti notato una più frequente insorgenza dei sintomi in autunno e in primavera. E la dieta? Pur non essendo tra le cause principali della gastrite, la dieta può svolgere un ruolo importante per la prevenzione degli attacchi di gastrite in soggetti naturalmente predisposti, e anche per l’attenuazione dei sintomi.

Cominciamo dagli alimenti da evitare: il primo indiziato è il caffè, da non bere mai a stomaco vuoto e comunque da assumere in quantità estremamente ridotte, così come tutte le bevande che contengono caffeina. Anche la cioccolata e il tè non sono indicati.
Altri alimenti che possono aumentare il bruciore sono tutti gli alcolici, in special modo il vino, che ha una forte acidità. Vanno evitate o limitate tutte le bevande calde e gli alimenti in brodo di carne: meglio aspettare che si raffreddino. Insaccati, carni rosse, cibi molto elaborati, intingoli e spezie (soprattutto piccanti) vanno limitati al minimo. Anche alcuni tipi di frutta e verdure possono creare problemi: gli agrumi in particolare, con arance e mandarini in prima fila, i pomodori e gli alimenti a base di pomodoro.

Nella lista dei cibi che invece aiutano a prevenire l’insorgenza della gastrite stanno il riso e la pasta, a patto che siano conditi con semplicità, evitando gli ingredienti “sgraditi” allo stomaco e privilegiando l’olio extravergine di oliva. Buona abitudine è anche mangiare crackers, fette biscottate e pane, che possono aiutare ad attenuare la sensazione di bruciore. Luce verde anche per le carni bianche, sempre ben cotte, e il pesce azzurro, fresco o in conserva, come tonno, sgombro, acciughe e salmone, con il loro prezioso contenuto in acidi grassi nobili. Bene anche mangiare verdure di stagione cotte per integrare fibre, vitamine e minerali nella dieta, e ancora patate e banane.

Infine, non bisogna dimenticare che non è importante soltanto cosa mangiamo, ma anche come mangiamo. Mangiare lentamente è un buon modo per aiutare il lavoro dello stomaco. Inoltre, chi soffre di gastrite deve evitare di fare grandi abbuffate, soprattutto la sera. Meglio fare piccoli pasti durante la giornata, avendo l’accortezza di andare a letto soltanto a digestione ultimata: un buon modo per evitare notti insonni!