Guida Pratica verso l’antica Cuba: percorsi tra piatti esotici e leggende marittime - Profondamente buono

Buono a sapersi

Ogni settimana tanti consigli e curiosità firmati
dalla food blogger Teresa Balzano, dalla nutrizionista Carmen Zedda
e dalle viaggiatrici cosmopolite PinkTrotters.

Lifestyle
25/05/2017

Guida Pratica verso l’antica Cuba: percorsi tra piatti esotici e leggende marittime

Guida Pratica verso l’antica Cuba: percorsi tra piatti esotici e leggende marittime

Quando si parla di pesce nelle sue più svariate tonalità, non c’è niente che superi Cuba, sia in fatto di storia che in fatto di gusto. La guanaba, per esempio, è un frutto caratteristico della natura tropicale di Cuba e fu scoperto – se così si può dire- da Don Pedro, oggi amico e domani Re. Il mare e la natura per Don Pedro erano un dono divino. Esiste un aneddoto che riguarda Don Pedro, principe di Anglona -capirete poi- raccontato dallo scrittore Álvaro de la Iglesia nelle sue Tradizioni cubane.
Don Pedro era il secondo genito del Duca di Osuna ed essendo lui il secondo nato, questo lo condannò ad una vita senza eredità. Caso volle che un Re – quello di Anglona- vide in lui grande potenzialità.

Fu così che giunse a Cuba sotto l’ala protettrice del Re e, come molti altri spagnoli, suoi amici, con un enorme baule di illusioni riuscì a concretizzare un sogno una sera d’Agosto.

Negli anni in cui non conobbe il denaro, Don Pedro aveva cominciato a camminare e camminare, a conoscere le spezie cubane e a cucinare in autonomia con grandi bracieri e tecniche di cucina tutte sue. Con il suopalato sopraffino, il Re d’Anglona, diete a Don Pedro totale fiducia e lui in breve conquistò il monopolio dei frutti tropicali a l’Havana, un vero e proprio privilegio!

La leggenda racconta che la vigilia del 2 Ottobre 1840, giorno della festa della Vergine del Rosario, don Pancho (nome del Re di Anglona) domandò alla principessa (sua figlia) cosa volesse di regalo per il suo onomastico. La dama chiese un pranzo con i fiocchi, in particolare profumi tropicali, buoni, freschi e scelti dal migliore dei migliori.
Il Re, in balia di questa richiesta non seppe cos’altro fare se non chiedere al suo ormai fedele amico di preparare quanto richiesto dalla principessa.

Il Re però non sapeva che dietro alle grazie di Don Pedro era nascosto un grande amore per sua figlia; egli infatti accettò con grande felicità. Don Pedro preparò un pranzo stellato, navigando nei mari di l’Havana, arrampicandosi lui stesso sugli alberi per cogliere i migliori frutti che l’isola di Cuba potesse offrire.

An "Agricola" grocery market in Havana (La Habana), Cuba

Preparò un pranzo con curcuma e noce moscata, lime e zenzero con al fianco frutti mai visti con colori arcobaleno e profumi buonissimi. La principessa cominciò a mangiare incredula della buonissima pietanza a base di mare tropicale e zucchero gustosissimo.

Don Pedro oggi è un evento festeggiato in tutta cuba, ma è una festa segreta, che nessuno al di fuori dei cubani dovrebbe conoscere. Nessuno ne chiede il giorno- non si deve-, né tanto meno il luogo…o almeno così pare! È la festa del mare, dei frutti tropicali, delle spezie e del grande amore per la cucina.

A l’Havana durante questa festività molte coppie decidono di dichiararsi amore eterno o addirittura di sposarsi, poiché secondo la storia di Cuba quel giorno, il giorno del suo onomastico e del pranzo tanto speciale, la principessa si innamorò di Don Pedro…e vissero tutti felici e contenti.

Questo articolo è stato scritto da una delle nostre PinkTrotters, appassionate di viaggio che ci portano alla scoperta di #StorieDiMare, raccontandoci, con uno storytelling fotografico d’impatto, i luoghi di mare più caratteristici in giro per il mondo.