Pesce e legumi, le proteine ideali per i bambini - Profondamente buono

Buono a sapersi

Ogni settimana tanti consigli e curiosità firmati
dalla food blogger Teresa Balzano, dalla nutrizionista Carmen Zedda
e dalle viaggiatrici cosmopolite PinkTrotters.

Nutrizione&Benessere
05/12/2016

Pesce e legumi, le proteine ideali per i bambini

Pesce e legumi, le proteine ideali per i bambini

 

Fin dalla tenera età, l’alimentazione del bambino è influenzata dalle abitudini familiari. Le prime esperienze che si fanno col cibo possono avere effetto sui gusti e sulle abitudini alimentari negli anni successivi. È importante perciò che il pasto sia vissuto come un momento piacevole e rilassato, di gioco e scoperta, per gettare le basi di un sano rapporto con il cibo.

Gli alimenti proposti al bambino devono essere sani, bilanciati nei nutrienti e variati, per fargli scoprire i diversi gusti. Nei pasti ci deve essere il giusto equilibrio tra proteine, carboidrati e grassi, per permettere lo sviluppo armonico del bambino.

Le proteine possono essere rappresentate come i mattoni che ci aiutano a costruire i nuovi tessuti e a riparare quelli danneggiati. Per questo sono così importanti per gli organismi in crescita. Devono essere introdotte quotidianamente per garantire il giusto supporto all’organismo, perché non c’è modo di immagazzinarle. Per i bambini sono essenziali per favorire lo sviluppo corretto di ossa, denti e muscolatura, e rafforzare le difese immunitarie.

All’interno della dieta settimanale devono essere presenti proteine sia di origine animale che vegetale, in un rapporto circa del 50%. Le proteine che derivano da carne bianca, pesce, uova e latticini devono perciò essere integrate con quelle di cereali integrali e legumi.

Per indirizzare i gusti del bambino verso abitudini alimentari sane, è opportuno proporre pesce azzurro e legumi, che sono fonti di proteine nobili. Sgombro, acciughe, sardine, tonno, merluzzo, orata, spigola, nasello e gli altri pesci azzurri possono essere dati al bambino due-tre volte alla settimana, freschi oppure conservati. Prezioso è soprattutto il loro apporto in fosforo e acidi grassi. Possono essere introdotti nella dieta già dai primi otto mesi di vita e si prestano a numerose differenti preparazioni. Provate a preparare al vostro bambino sfiziosi sughi per la pasta, zuppe di pesce, il finto pesce di tonno e patate, ma anche gustose polpette con verdure e bastoncini panati, fatti in casa al forno.

I legumi possono essere introdotti gradualmente fin dal primo anno di età e sono generalmente apprezzati dai bambini per sapore e consistenza. Possono essere consumati due-tre volte a settimana e sono un’eccellente fonte di fibre e fitonutrienti, contengono vitamine del gruppo B, potassio, magnesio, ferro, fosforo. Esistono molte varietà di legumi da inserire nell’alimentazione dei più piccoli: piselli, ceci, fagioli, lenticchie, cicerchia e fave. Queste ultime, però, devono essere usate con moderazione all’inizio per verificare l’insorgenza di possibili allergie e non vanno assolutamente mangiate in caso di favismo (o carenza di G6PDF). Ci sono molte possibili preparazioni adatte, la purea di cannellini, un umido di borlotti e pomodoro, delle lenticchie saltate con le verdure, un hummus di ceci per accompagnare il pinzimonio, una zuppa di piselli e tante altre ricette fantasiose!