Rafforziamo le difese immunitarie con i cibi autunnali - Profondamente buono

Buono a sapersi

Ogni settimana tanti consigli e curiosità firmati
dalla food blogger Teresa Balzano, dalla nutrizionista Carmen Zedda
e dalle viaggiatrici cosmopolite PinkTrotters.

Nutrizione&Benessere
30/11/2016

Rafforziamo le difese immunitarie con i cibi autunnali

Rafforziamo le difese immunitarie con i cibi autunnali

 

Gli sbalzi di temperatura tipici dell’autunno, lo stress e qualche errore nella nostra alimentazione possono portare a un abbassamento delle difese immunitarie. Ed ecco che fanno la loro comparsa mal di gola, raffreddore, tosse, male alle ossa e spossatezza.

Oltre ad usare sciarpa e cappello, possiamo modificare la nostra alimentazione per prevenire l’insorgenza di questi malanni. Cerchiamo di non affaticare il nostro organismo con cibi pesanti, o di indebolirlo con diete lampo che non apportano la giusta energia. Per rinforzare le difese immunitarie è essenziale condurre uno stile di vita sano (no a fumo e alcolici, sì allo sport), e mangiare più frutta, verdura, cereali integrali, pesce e legumi, che coi loro preziosi nutrienti ci aiutano a risvegliare corpo e mente dal torpore autunnale.

 

Introdurre regolarmente alimenti ricchi di sali minerali, vitamine e acidi grassi Omega-3 è infatti fondamentale per il buon funzionamento del nostro organismo e rendere più forte in sistema immunitario.

Sono molti gli ingredienti che non dovrebbero mancare sulle nostre tavole per sentirci meglio durante la stagione fredda. Tonno, sgombro, sardine, alici e salmone, ad esempio: il pesce azzurro dovrebbe essere regolarmente incluso nella nostra alimentazione per i suoi preziosi nutrienti, fresco oppure conservato. È una fonte di proteine nobili, fosforo e acidi grassi essenziali, contribuisce alla protezione del sistema cardiocircolatorio e ci fa sentire pieni di energia; del salmone ad esempio, abbiamo parlato qui.

 

Ora vediamo quali ortaggi non possono mancare. Sicuramente broccoli, cavolfiore, cavoli e cavoletti di Bruxelles. Fonti di vitamina C e K, antiossidanti, ferro e acido folico, sono alleati potenti per la nostra salute durante i mesi freddi, grazie alle loro proprietà antinfiammatorie, antitumorali e anti-colesterolo. Poi ancora carote, zucca e pastinaca sono fonti privilegiate di betacarotene e contengono vitamina B e C, fitonutrienti, fibre, e molti sali minerali, come rame, manganese, ferro, potassio e magnesio. Gli spinaci ci aiutano a introdurre il ferro di cui abbiamo bisogno, le rape rosse sono fonte di acido folico e vitamina C, A, K, mentre porro e cipolla contribuiscono a migliorare la depurazione dell’organismo e la funzionalità dei reni e sono una buona fonte di sali minerali come silicio, potassio e manganese.

Tra le spezie, non dimentichiamo gli antibiotici naturali: aglio, peperoncino e curcuma. Hanno efficacia antibatterica e ci aiutano a contrastare virus e batteri. Rendono più saporiti e gustosi i nostri piatti anche con poco sale.

 

Per concludere, i frutti della stagione fredda: kiwi, arance, mandarini, pompelmo e limone: per il loro contenuto di vitamina C, sono rimedi al raffreddore per antonomasia; aiutano a rafforzare il sistema immunitario, proteggere il cuore, reidratare l’organismo e ripartire con slancio. Abbiamo poi mele e pere,  ricche di antiossidanti, potassio, magnesio, zinco, acido folico e vitamina C; hanno il potere di rafforzare la flora batterica intestinale e stimolano la depurazione dell’organismo. Ricordiamo anche le virtù del melograno, che ha un buon apporto in sali minerali e vitamina C, oltre a grandi proprietà antiossidanti, e che ci aiuta a mantenere in salute tutto il sistema cardiovascolare. Come il melograno, anche l’uva ha una funzione antiossidante sull’organismo ed è fonte di energia.
Le castagne, poi, sono un concentrato di energia: sono ricchissime di vitamina B3, utile per rafforzare il sistema nervoso, e di potassio, che ha un’azione rivitalizzante. Infine non possiamo non citare la frutta secca, come mandorle, noci, nocciole e pinoli: contengono acidi grassi e magnesio, contrastano l’invecchiamento cellulare e ci fanno sentire più energici e meno stressati!