Risotto al tonno e rosmarino - Profondamente buono

Buono a sapersi

Ogni settimana tanti consigli e curiosità firmati
dalla food blogger Teresa Balzano, dalla nutrizionista Carmen Zedda
e dalle viaggiatrici cosmopolite PinkTrotters.

Food
06/02/2017

Risotto al tonno e rosmarino

Risotto al tonno e rosmarino

Tipo di piatto:

Primi Piatti

Preparazione:

40 minuti

Difficoltà:

media

Ingredienti:

Riso carnaroli

320 g

Tonno al naturale

160 g

Rametti di rosmarino

2

Brodo vegetale

1 L

Parmigiano grattugiato

50 g

Vino bianco

Mezzo bicchiere

Cipolla

1

Burro

40 g

Sale

q.b.

Per quanto la pasta sia famosa e amata ormai in tutto il mondo, il risotto è uno dei primi piatti italiani che riscuote maggior successo, e che riesce a ottenere consensi da tutti i palati.
Si tratta di un piatto caldo e cremoso, adatto anche per le tavole più raffinate ed eleganti senza aver bisogno di grandi ingredienti per realizzarlo.
Viene apprezzato anche il più semplice risotto alla parmigiana, cioè mantecato con tanto parmigiano, e basta un pizzico di zafferano per renderlo un piatto succulento amato anche dai più grandi chef.
Non è difficile inventare ogni volta un risotto nuovo a seconda degli ingredienti che hai a disposizione, l’importante è preparare un buon brodo di carne, pesce o vegetale, da scegliere in funzione dei sapori che desideri abbinare. Per alcuni risotti può essere utile anche della semplice acqua bollente!
Nella sua preparazione ricorda che il risotto richiede cura in ogni suo passaggio dal momento del soffritto fino alla mantecatura finale.

Qualche consiglio?

  1. Fai stufare la cipolla molto dolcemente. Dovrà diventare trasparente e sciogliersi per dare sapore al risotto.
  2. Per una perfetta tostatura il riso dovrà essere ben caldo e lucido. Arrivato a questo punto cambierà anche il suono che farà nella pentola, diventando molto più acuto! Se non sei certo di essere arrivato al punto giusto tocca il riso con le mani per sentire la temperatura prima di sfumare con il vino. Puoi effettuare la tostatura anche in una pentola a parte, senza alcun condimento.
  3. Nella cottura dovrai coccolare il riso e mescolarlo, per permettergli di rilasciare i suoi amidi e dare cremosità al risotto.
  4. Effettua la mantecatura finale a fuoco spento altrimenti rischi che il riso superi la cottura. La consistenza del risotto è perfetta se fa l’onda, ovvero dando un colpo deciso alla pentola per far saltare il risotto, otterrai un’onda cremosa e fluida nel movimento.
  5. Non sottovalutare il riposo. Per far distribuire i sapori al meglio lascia riposare il risotto per 5 minuti prima di servirlo.

Infine, non dimenticare di scegliere il riso giusto: il Carnaroli o il Vialone Nano sono le varietà più indicate.
Scegliendo altre tipologie corri il rischio di ottenere un riso asciutto oppure un eccesso di amido nel piatto.

Preparazione:

Se non ne hai già pronto, per prima cosa prepara il brodo unendo una carota, una costa di sedano e una cipolla in una pentola. Copri d’acqua e fai cuocere per almeno 2 ore. Regola poi di sale.
Per il risotto trita finemente la cipolla e falla stufare dolcemente con la metà del burro.
Quando sarà diventata trasparente aggiungi il riso e fallo tostare mescolando di tanto in tanto.
Sfuma poi con il vino bianco, lascialo evaporare e aggiungi poi uno o due mestoli di brodo.
Aggiungi altro brodo ogni volta che il precedente si sarà asciugato e continua così finché il riso sarà pronto.
Nel frattempo trita il rosmarino e aggiungilo al riso quando questo avrà raggiunto la metà cottura.
Poco prima del termine aggiungi anche il tonno e lascia insaporire.
Infine fai mantecare con burro e parmigiano e lascia riposare per 5 minuti. In questo modo i sapori del tuo risotto saranno distribuiti al meglio e più equilibrati.
Una volta finita l’attesa non rimane che sederti in tavola e gustare il risultato del tuo lavoro!