Ristoranti di solo baccalà: quando l’ingrediente fa la differenza - Profondamente buono

Buono a sapersi

Ogni settimana tanti consigli e curiosità firmati
dalla food blogger Teresa Balzano, dalla nutrizionista Carmen Zedda
e dalle viaggiatrici cosmopolite PinkTrotters.

Lifestyle
18/11/2016

Ristoranti di solo baccalà: quando l’ingrediente fa la differenza

Ristoranti di solo baccalà: quando l’ingrediente fa la differenza

 

L’Italia non produce baccalà, ma per ragioni storiche ne è diventata una consumatrice assidua, così tanto da divenire la nazione che ne importa di più al mondo!

Soprattutto nel Sud Italia e nel Veneto il baccalà è un fatto serio come lo è il ragù che deve cuocere per almeno 8 ore o la pasta fatta in casa.

 

Il baccalà o lo stoccafisso, ovvero merluzzo essiccato, sono entrati nella cucina della tradizione con ricette ormai consolidate. C’è il baccalà mantecato, le frittelle per Natale, quello alla vicentina e alla livornese, il baccalà in umido e arriganato alla calabrese, e via così, per ancora tante e tante ricette.

 

Questo ingrediente è divenuto così amato da meritare l’attenzione di diversi ristoratori e diventare il protagonista di interi menù. E’ così che in giro per l’Italia sono nati ristoranti che servono solo ed esclusivamente baccalà, dall’antipasto finanche al dolce!

In questi ristoranti il baccalà è spesso eseguito secondo i dettami della tradizione, ma non mancano le sperimentazioni e gli abbinamenti arditi per un pesce in grado di regalare davvero grande soddisfazione!

 

Siamo andati alla ricerca di alcuni di questi ristoranti e abbiamo scoperto dei veri e propri templi del baccalà. Locali che hanno fatto storia e che sono amati in tutto il loro territorio. Scopriamoli insieme!

 

  • Baccalà Divino a Mestre prepara il baccalà secondo le ricette della tradizione veneta, ma anche secondo il guizzo dello chef. Se passi da Baccalà Divino prova il mantecato nelle diverse varianti e, se sei in vena di sperimentare, assaggia i piatti realizzati con le parti meno nobili del baccalà come le interiora o la lingua!

 

La Campania ha un posto d’onore e troviamo ben 2 ristoranti a Napoli e 2 a Somma Vesuviana:

  • Baccalaria a Napoli non lascia dubbi: con il baccalà è amore e rispetto. Il manifesto recita “Sua maestà il Baccalà” e nella cucina si riscoprono i piatti della tradizione. Potrai gustarlo nella pasta, con patate e nella zuppa di fagioli e scarola e tanto altro ancora!

 

  • Biancobaccalà, sempre a Napoli, fa onore ai piatti della tradizione e dai sapori mediterranei. Potrai gustare la genovese di baccalà, ottime bruschette con pomodoro e baccalà, frittelle croccanti o insalate. La materia prima è eccellente, sia che si parli di stoccafisso che di baccalà.

 

Infine ecco 2 proposte da una cittadina ai piedi del Vesuvio.  Se l’Italia è la prima a importare baccalà, il merito è anche di Somma Vesuviana, un paese particolarmente devoto a questo pesce che festeggia anche in una sagra dedicatagli. In questa città potrete gustare baccalà praticamente ovunque!

Noi vi proponiamo:

 

  • La Locanda Nonna Rosa è meta di pellegrinaggi per gli appassionati di questo pesce. Se desideri cenare qui dovrai prenotare con almeno una settimana di anticipo! Tra le delizie non perdere la tempura di baccalà, lo stocco e patate o la genovese. Lasciati guidare anche tra le creazioni dello chef per una vera esperienza di gusto a base di merluzzo dei mari del Nord!

 

  • A La Lanterna il baccalà è fritto, arrosto, usato nei ripieni, avvolto in impasti croccanti e anche nella pizza! Baccalà in pratica in ogni modo e in ogni salsa. Se decidi di cenare qui, assaggia i paccheri e la pizza, davvero unica nel suo genere!