Sabbia rosso mattone, la grotta di Calypso, scenari incantevoli: Gozo, una vacanza all'insegna del relax e della cultura - Profondamente buono

Buono a sapersi

Ogni settimana tanti consigli e curiosità firmati
dalla food blogger Teresa Balzano, dalla nutrizionista Carmen Zedda
e dalle viaggiatrici cosmopolite PinkTrotters.

Lifestyle
22/12/2017

Sabbia rosso mattone, la grotta di Calypso, scenari incantevoli: Gozo, una vacanza all’insegna del relax e della cultura

Sabbia rosso mattone, la grotta di Calypso, scenari incantevoli: Gozo, una vacanza all’insegna del relax e della cultura

In mezzo al Mediterraneo, inserita nell’Arcipelago maltese, una delle isole Calipsee, quella che ospitò Ulisse: Gozo.

È proprio qui che si trova il covo d’amore di Calypso ed Ulisse, secondo la leggenda è Gozo l’isola omerica di Ogigia, dove l’eroe di Itaca si fermò per sette e lunghi anni “prigioniero d’amore”, è qui che si trova la grotta dove vissero insieme i due innamorati. La grotta è molto semplice ma affascinante e la vista a strapiombo sul mare è spettacolare, uno scenario incantevole. È qui che risiedono storia e mito.

Gozo è famosa anche per le sue bellissime spiagge, a pochi passi dalla grotta di Calypso si trova la baia di Ramla. Conosciuta anche come spiaggia rossa per il colore della sua sabbia, precisamente tinta di rosso mattone, è unica. Impossibile non restare affascinati. È primitiva, in uno scenario circondati da colline e valli antiche. Simile a questa spiaggia, con la sabbia color arancio-rosso c’è San Blas Bay. Spiagge, differenti e rocciose, invece, sono quelle di Weid il-Ghasri e Mgarr ix-Xini, pittoresche per le loro acque verdi e cristalline e la natura che fa da cornice. Sono perfette per fare snorkeling e diving, o semplicemente per rilassarsi e prendere il sole.

Poco distante dalla grotta di Calypso vi sono le saline di Gozo: Xwejni e Qbajjar. Risalgono a tempi molti antichi; qui è dove viene raccolto il sale marino. Vi sono vasche di varie forme, dove viene fatta evaporare l’acqua del mare, e poi raccolto il sale. Si possono acquistare sacchetti di sale a prezzi super economici.

Certamente è da scoprire la capitale di Gozo: Victoria, anche detta Ir-Rabat. Una piccola cittadina, dove si può respirare il fascino retrò di un posto pieno di tradizioni come la piazza centrale e le viette caratteristiche, con le “pazzisterie” locali, con prelibatezze del posto. I “pastizzi” sono una specialità locale, con ricotta o purea di piselli. Affascinanti sono i musei e la Cattedrale di Gozo, molto antica e ricca di storia. Nel mercato artigianale dell’isola si possono trovare: fabbri, vetrai ed anziane signore che lavorano il merletto, riescono a creare dei capolavori!

Piatto tipico del luogo è il coniglio, detto “fenek”, da provare! Però, come per ogni posto di mare, la cucina è ricca anche di piatti a base di pesce. Il capone, chiamato “lampuki” è il pesce tipico della cucina di gozitana, ma oltre a questo vi sono tantissimi piatti a base di pesce, alla brace o alla griglia. Ideale anche da gustare durante il mese invernale è la “aljotta”, una zuppa di pesce all’aglio.

Qui la storia si respira nell’aria, tra le pietre dei templi, la grotta di Calypso, torri e chiese.

Tradizione e cultura sono in ogni angolo. Un’isola piena di bellezze, di storia, cose da scoprire e dove splende sempre il sole!

Attende solo di essere esplorata!

Questo articolo è stato scritto da una delle nostre PinkTrotters, appassionate di viaggio che ci portano alla scoperta di #StorieDiMare, raccontandoci, con uno storytelling fotografico d’impatto, i luoghi di mare più caratteristici in giro per il mondo.