SAFARI FAI DA TE: RUGGITI D’AMORE, ACQUA DOLCE, OCEANO SALATO E PEPE VERDE AFRICANO - Profondamente buono

Buono a sapersi

Ogni settimana tanti consigli e curiosità firmati
dalla food blogger Teresa Balzano, dalla nutrizionista Carmen Zedda
e dalle viaggiatrici cosmopolite PinkTrotters.

Lifestyle
01/08/2017

SAFARI FAI DA TE: RUGGITI D’AMORE, ACQUA DOLCE, OCEANO SALATO E PEPE VERDE AFRICANO

SAFARI FAI DA TE: RUGGITI D’AMORE, ACQUA DOLCE, OCEANO SALATO E PEPE VERDE AFRICANO

Se non amate affidarvi ad agenzie o a tour operator per l’organizzazione del vostro viaggio e specialmente è da tempo che sognate ad occhi aperti guardando le immagini di National Geographic, il safari fai da te è sicuramente la soluzione adatta a voi. Ed il posto ideale per un safari fai da te è il Sud Africa.

Fonte indispensabile e preziosa per poter organizzare il vostro viaggio è: internet. Innanzitutto sarà indispensabile prenotare un volo, noleggiare un auto e poi bisognerà scegliere un parco da visitare. Niente mezzi pubblici affollati o viaggi scomodi in tenda, si può viaggiare ad un prezzo economico senza rinunciare al comfort. Il Sudafrica permette di soddisfare un turismo organizzato ed adatto a tutti i gusti: savana, parchi nazionali, deserto. Per poter vedere diverse aree del Sudafrica l’ideale sarebbe soggiornare per due o tre settimane, ma per chi non potesse anche sette o dieci giorni possono bastare per avere una buona panoramica di questa terra.

Un volta atterrati a Johannesburg, prendete la vostra autovettura noleggiata ed il viaggio sarà semplicissimo lungo le vie asfaltate della città.

Noi vi consigliamo di visitare il Kruger National Park, che si trova a 5 ore di auto dall’aeroporto di Johannesburg, ed è uno dei più famosi al mondo ed anche il più grande in assoluto, per estensione è quasi quanto tutta la Lombardia. Qui è possibile girare da soli a bordo della propria automobile, munitevi di binocolo e macchina fotografica e pronti per il Safari! Al Kruger Park sarà possibile incontrare paesaggi diversi e tutti gli animali della Savana. Organizzate le prime escursione alle prime luci dell’alba. Il silenzio intorno a voi sarà interrotto dal cinguettare degli uccelli, dal barrito degli elefanti e dai ruggiti d’amore dei leoni. Sono loro i veri padroni del Kruger Park, non si può che restare estasiati alla loro vista. Sarà emozionante ed indimenticabile camminare nella savana e vedere piccoli animaletti sbucare lungo il tragitto e le orme lasciate dagli animali.

Dopo 4-5 giorni al Kruger Park ci si potrà rilassare sulle spiagge bianche dell’Oceano Indiano, facendo una traversata verso Sud, arrivando fino a Swaziland. Qui vi è il St. Lucia Wetland Park, altra meta molto famosa ed imperdibile. Le calde acque dell’Oceano, lunghe spiagge sabbiose, ma anche laghi di acqua dolce, foreste sub tropicali ed ambienti paludosi. Questo parco racchiude un ecosistema variegato, un vero miracolo della natura.

E cosa sarebbe una vacanza senza del buon cibo locale? Il SudAfrica offre anche questo: un’ottima cucina! Un piatto tradizionale è la gustosa Chakalaka, una semplice salsa di pomodoro piccante veloce da preparare e molto popolare. Vediamo gli ingredienti:
– 6 grossi pomodori maturi
– 2 cipolle
– 2 peperoni verdi
– 3 spicchi d’aglio
– 3 peperoncini sminuzzati finemente
– 2-3 cucchiaini di curry in polvere
– 3 cucchiai di olio
– sale e pepe verde

In una padella antiaderente friggere la cipolla, l’aglio e i peperoni verdi nell’olio di girasole. Aggiungere i pomodori, i peperoncini e il curry e cuocere finché le verdure non risulteranno ammorbidite. Aggiungere il resto degli ingredienti e continuare a cuocere a fuoco lento per circa 10 minuti. La tradizione vuole che la salsa si raffreddi a temperature ambiente prima di essere servita.

Sawubona Africa!

Questo articolo è stato scritto da una delle nostre PinkTrotters, appassionate di viaggio che ci portano alla scoperta di #StorieDiMare, raccontandoci, con uno storytelling fotografico d’impatto, i luoghi di mare più caratteristici in giro per il mondo.