Sgombro: un pesce mille proprietà - Profondamente buono

Buono a sapersi

Ogni settimana tanti consigli e curiosità firmati
dalla food blogger Teresa Balzano, dalla nutrizionista Carmen Zedda
e dalle viaggiatrici cosmopolite PinkTrotters.

Nutrizione&Benessere
28/09/2016

Sgombro: un pesce mille proprietà

Sgombro: un pesce mille proprietà

 

Saporito, leggero e dalle eccellenti proprietà nutrizionali. Lo sgombro è un pesce azzurro di taglia media che fa parte delle Scombridae, molto diffuso nelle acque del Mediterraneo così come nell’Oceano Atlantico. È una delle specie più utilizzare a scopo alimentare e può essere consumato fresco oppure in conserva, sott’olio o al naturale.

 

Nel modello alimentare mediterraneo, il pesce azzurro ricopre un ruolo fondamentale: è ricco di acidi grassi essenziali, proteine nobili, vitamine e sali minerali, e andrebbe assunto almeno 2-3 volte a settimana, in alternanza con fonti proteiche vegetali. Una porzione di sgombro può essere consumata una volta a settimana, magari accompagnata da abbondanti verdure fresche e una quantità moderata di cereali integrali, come riso o pasta.

Lo sgombro è a ragione considerato un integratore naturale di minerali, vitamine e proteine nobili, e perciò molto indicato nella dieta di bambini, anziani e sportivi. Tra i sali minerali di cui è ricca la carne di sgombro, ricordiamo ferro, magnesio, fosforo e rame, mentre tra le vitamine quelle del complesso B, in particolare B1, B2 e B3.

 

Si tratta di una carne magra, che apporta 85 calorie ogni 100 grammi nel prodotto fresco. La maggior parte di energia è rappresentata da proteine (20%), ricche di aminoacidi essenziali, e da grassi (10%), in prevalenza mono e poli-insaturi. Lo sgombro è infatti uno dei pesci più ricchi di acidi grassi Omega-3 e aiuta quindi a mantenere efficiente il nostro sistema immunitario e a proteggerci da patologie a carico del sistema cardio-circolatorio, patologie neurodegenerative e dal diabete.

Le caratteristiche nutrizionali sono simili anche nel prodotto conservato. Abbiamo un apporto energetico più alto nello sgombro sott’olio, perché a quelle della carne si aggiungono le calorie del liquido di conserva, mentre rimane sostanzialmente invariato l’apporto in proteine e grassi nobili.

 

Per assicurarci di assumere regolarmente tutti i preziosi nutrienti dello sgombro, possiamo quindi scegliere il prodotto conservato sott’olio oppure al naturale, in alternativa a quello fresco. Possiamo assaggiarlo in un sandwich con cetrioli e pomodoro per una pausa pranzo veloce o un pic nic in campagna, in un sugo per la pasta al profumo di origano oppure in un’insalata ricca, con lattuga, radicchio, mais e gherigli di noce, per una sferzata di energia!