Street food di mare: 10 indirizzi da non perdere - Profondamente buono

Buono a sapersi

Ogni settimana tanti consigli e curiosità firmati
dalla food blogger Teresa Balzano, dalla nutrizionista Carmen Zedda
e dalle viaggiatrici cosmopolite PinkTrotters.

Lifestyle
24/03/2017

Street food di mare: 10 indirizzi da non perdere

Street food di mare: 10 indirizzi da non perdere

 
Sei in giro, una passeggiata sul lungomare o semplicemente qualche ora dedicata allo shopping e ti assale la voglia di pesce?

Non serve attendere la sera per sedersi in qualche famoso ristorante di pesce, basta rivolgersi al chiosco all’angolo o al peschereccio ormeggiato al porto per toglierti subito la voglia con dell’ottimo pesce fresco!

In tutta Italia si sono moltiplicati i locali che offrono pesce di ogni tipo da mangiare in strada, dal classico fritto misto al panino, finanche alle crudité, tutte rigorosamente da passeggio.

 

Abbiamo selezionato 10 tra i locali più originali e famosi per non perdere neanche una occasione: c’è sempre un buon motivo per gustare dell’ottimo pesce!

 

  1. A Varezze lo street food di mare si trova al porto. Non aspettarti un localino sulla banchina, ma cerca piuttosto un peschereccio ormeggiato al porto: il suo nome è Il Pesce Pazzo.
    Qui il pescato viene fritto immediatamente. Puoi godere di un fritto misto vario e freschissimo servito in un sacchetto di carta: totani, gamberi, triglie o acciughe croccanti e dorate. Ma non è finita: per rendere perfetta l’esperienza ordina anche un buon calice di vino bianco fresco. Da Il Pesce Pazzo non manca neanche un buon Vermentino ghiacciato!

 

  1. A Milano, dove i cittadini sono abituati ad assaporare di tutto, anche le ostriche diventano street food con Ape Bistrot.
    Posteggiato in Viale Montenero, Ape Bistrot offre un happy hour davvero unico a base di ostriche e champagne, ricche tartine e sfiziosi bocconi che variano ogni giorno. Puoi scegliere inoltre tra i vini bianchi nostrani o ottimi cocktail.
    Lo troverai aperto solo per 2 ore in orario aperitivo, il tempo necessario per godere con calma di qualche sfizio gourmet prima di tornare a casa.

 

  1. Roma non è da meno e in Largo dei Librari si trova Dar Filettaro a Santa Barbara, un negozietto in cui è possibile gustare un ottimo baccalà pastellato e fritto. Nel menù dello chef Marcello Cortesi si trovano solo piatti della tradizione, come puntarelle e pane con burro e acciughe. Tuttavia è il baccalà il re del ristorante e potrai portarlo comodamente a casa o goderne sul posto.

 

  1. A Civitavecchia la cucina di pesce viaggia su 3 ruote e, in una vecchia Ape si trova Streat Food Civitavecchia, un ristorante itinerante da cui poter gustare il classico pesce fritto di paranza, preparato rigorosamente con pescato fresco locale oppure il famoso panino aromatizzato alle alghe con polpo alla Luciana e cicoria ripassata.

 

  1. A Venezia lo street food di pesce è cosa nota, ma da Lino Fritto si trovano propose decisamente uniche.
    16 voci nel menù per una offerta lontana dalla tradizione tutta da mangiare in strada. Unico il suo Stick di salmone al vapore impanato in semi di sesamo, ma non male neanche il burger di tonno fresco dai sapori mediterranei, le sarde con la polenta o le éclair ai semi di zucca con pesce spada affumicato.

 

  1. A Manfredonia il classico panino da strada viene farcito con pesce in ogni forma: fritto, arrosto o anche in salume come la salsiccia di triglie. Tutto questo viene proposto da Calipso Fish & Crock, una gastronomia itinerante gestita da Michele, pescatore d’esperienza e Rosa, cuoca provetta.
    La specialità è certamente il pane artigianale farcito con polpi freschi fritti, ma nel menù non mancano cozze ripiene, triglie agli agrumi, frittelle di ogni tipo o moscardini arrosto.

 

  1. A San Feliciano Mangione in provincia di Perugia La Vecchia Frittoria serve un croccante fritto misto di pesce del lago Trasimeno, pescato ogni giorno dalla cooperativa dei pescatori di zona.
    Nel ristorante su quattro ruote, oltre al classico fritto, potrai gustare pesce di lago in umido, crocchette, polpette o supplì.

 

  1. Al Chiosco da Morena, ad Ancona, tutto il pesce diventa da passeggio, ma sempre seguendo le ricette della tradizione marchigiana. Carpacci, vongole, ostriche, cozze e tartufi di mare, alici marinate o baccalà. Tutto segue il pescato del giorno e, se i pescherecci non escono il chiosco rimane chiuso.
    Prova le crocchette lesse o in porchetta, sono la vera specialità di Morena!

 

  1. Anche i più grandi chef hanno ceduto al fascino della cucina di strada e a Cetara, Pasquale e Gaetano Torrente offrono ottimi fritti di pesce a La Cuopperia del Convento.
    Aperto da aprile a settembre, il locale offre prodotti freschissimi e lavorati in modo eccellente. Ormai oggetto di culto è il cuoppo di alici fritte, ma non mancano altre specialità come crocché di patate, alici marinate o alla scapece e altri fritti della tradizione campana.

 

  1. Chiudiamo alla grande con uno chef di altissimo livello, Mauro Uliassi e il suo Uliassi Street Good che delizia Senigallia con un chiosco itinerante da cui escono prelibatezze di ogni tipo.
    C’è la rivisitazione dei bomboloni e anche della porchetta, ma anche tante ricette della tradizione offerte in formato street come le seppie con i piselli.
    Immancabile è il cartoccio di pesce fritto accompagnato da una maionese al lime e tandoori masala.